Facebook e l’acquisizione miliardaria di WhatsApp

Facebook compra Whatsapp per 19 miliardi di dollari
Facebook e l’acquisizione miliardaria di WhatsApp

Chi si ricorda quando Facebook nel 2012 sborsò un miliardo di dollari per aggiudicarsi Instagram? Sembrava un investimento costoso e difficilmente superabile ma il confronto viene vinto dalla cifra di cui si parla oggi. Facebook ha annunciato di voler acquistare Whatsapp per un importo complessivo di 19 miliardi di dollari.

Facebook investe sulla messaggistica mobile

Così come accaduto con Instagram tuttavia, l’app continuerà a lavorare in maniera autonoma con il proprio marchio. L’interesse di Facebook per questo servizio di messaggistica mobile (sia per sistemi iOs che per Android) è sicuramente legato alla diffusione sempre maggiore e al largo consenso degli utenti. Si stimano circa 450 milioni di utilizzatori attivi, circa il doppio di quanto rilevato appena due mesi fa. Inoltre, più del 70% di questi utenti vi accede almeno una volta al giorno.

La fortuna di WhatsApp è anche dovuta all’assenza di banner pubblicitari, annunci, giochi: nessun espediente, solo un lineare e completo servizio di messaggistica, gratuito per il primo anno di utilizzo e poi a pagamento per una accettabilissima cifra annuale (circa 1 dollaro per 12 mesi di licenza).

Inoltre Whatsapp non ha avuto bisogno di investire nel marketing: la sua popolarità è stata del tutto virale, legata ad un positivo passa parola. Anche con l’ingresso di Facebook, WhatsApp manterrà la propria identità e i propri principi aziendali (come il “no agli annunci pubblicitari”). Da quando la notizia è circolata molti utenti si sono interrogati su cosa potrebbe cambiare nel loro amato servizio.

In realtà Facebook probabilmente non apporterà alcuna modifica al modello già vincente, anche se è facilmente immaginabile la nuova possibilità di registrarsi al servizio anche attraverso un account del più popolare social network del mondo.

Lascia un commento

I have read the privacy policy and I accept the treatment of my personal data in compliance with the Italian Legislative Decree 196/2003.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.