Illumiroom non verrà rilasciato con Xbox One: tutti i dettagli.

illumiroomMicrosoft aveva accennato tempo fa ad una tecnologia di proiezione dell’immagine innovativa che consentiva di espandere l’immagine al di fuori dei lati della televisione con effetti speciali ed un ambiente di gioco esteso e perfettamente integrato con le pareti dell’abitazione: “Illumiroom“.

I rumors iniziali prevedevano che Illumiroom sarebbe stato lanciato in concomitanza con il rilascio ufficiale della Xbox One, la nuova consolle Microsoft, prevista per Novembre 2013.

Il capo dei progetti di produzione Xbox One, Albert Penello, ha però dichiarato in un’intervista con il sito web Australiano Ausgamers, che per ora Illumiroom rimarrà un progetto a causa dei costi eccessivi dell’hardware: i vari componenti hardware necessari per offrire effetti speciali ed una visione aumentata all’utente presentano, infatti, costi eccessivi che farebbero si che il prezzo di vendita di Illumiroom raggiunga i milioni di dollari, un prezzo davvero eccessivo per gli utenti finali.

Per tali motivi Microsoft ha deciso di accantonare il progetto tra i progetti in fase di ricerca e probabilmente, in base a quanto dichiarato da Penello, non verrà rilasciato a breve.

Penello ha però al contempo dichiarato che si tratta di una tecnologia davvero interessante che offre un’esperienza fantastica. E’ probabile dunque che il progetto continuerà ad essere sviluppato dalla Microsoft ricercando hardwares economici in grado di fornire le stesse funzioni dell’attuale versione di Illumiroom.

Microsoft ha rilasciato un demo di 5 minuti che illustra l’esperienza d’uso e di gioco generata da Illumiroom.Come è possibile visionare nel trailer Illumiroom proietta uno sfondo sulla parete che circonda il televisore ed è in grado di generare effetti ottici come il rimbalzo della parete grazie ad un’apposita telecamera che fotografa l’ambiente circostante il televisore per poi adattarvi le immagini di sfondo da proiettare.

Si tratta dunque di una nuova esperienza d’uso che però per ora possiamo solo immaginare in attesa di una versione ufficiale per il pubblico consumer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *